Aggiornamento: Convegno sui diserbanti a Ceglie. Ancora nessun monitoraggio dell’olio d’oliva

Il commento 2 di Angelo Palma sul Convegno di ieri sera.                              Domani, 27 aprile, alle 17.30 nell’Atrio Comunale ci sarà un Convegno sui rischi da Diserbo. Intervengono Belloni (della Onlus Giardini di Pomona), l’oncologo Pagliara e l’agronomo Ciola. L’uso dei diserbanti nella nostra agricoltura è la più probabibile causa del significativo tasso di tumori a Ceglie. Il passaggio dal terreno all’uomo può avvenire per via aerea, al momento dell’irrorazione, e attraverso i prodotti del suolo, tra i quali l’olio d’oliva. Tempo fa c’è stata la proposta, da parte del gestore di un sito web, per monitorare l’olio, ma malgrado si tratti di un prodotto sotto attenzione e forse per timore di danneggiare la nostra agricoltura, non è stato ancora approntato alcun programma in merito.

p.s.: intanto le campane dell’orologio “non suonano” (un articolo)  e la torre è stranamente transennata

Prodotti alimentari esteri venduti come italiani

Quanto danno per la nostra agricoltura e forse per la nostra salute dalla vendita in Italia e all’estero di prodotti non italiani!  Ci sarebbe di mezzo anche un’azienda, la Simest, partecipata al 75% dal Ministero per lo Sviluppo Economico. Nel settore alimentare spiccano l’olio, le passate di pomodoro, i salumi, i formaggi e la pasta. Il 50% delle mozzarelle, il 66% del prosciutto, il 75% del latte e il 33% della pasta sono ottenuti con materie prime o semilavorati esteri.