L’occupazione femminile e le nascite fanno aumentare il Pil?

Un volume Ediz. Il Mulino afferma che se lavorassero 6 donne su 10 il Pil aumenterebbe del 7%. Qualche volta abbiamo letto che l’incremento delle nascite avrebbe un effetto qualitativamente analogo: se ne è parlato a proposito delle pensioni. L’occasione mi consente di ribadire una cosa ovvia: il reddito nazionale dipende dagli investimenti produttivi e non dall’aumento della domanda di lavoro. Anzi se essa cresce rispetto all’offerta aumenta la disoccupazione. Il ragionamento cambia se si ipotizza che un maggior numero di donne possano promuovere nuove attività produttive, ma occorre che il governo crei le condizioni: istruzione finalizzata a questo scopo, servizi all’infanzia, incentivi alle imprese rosa. La ricerca è firmata da tre donne, autorevoli studiose di economia e demografia. La recensione è pure firmata da una donna che fortunatamente parla di provocazione.

3 pensieri su “L’occupazione femminile e le nascite fanno aumentare il Pil?

  1. Se quelle ricercatrici avessero inserito nel gruppo di lavoro anche uomini non sarebbero scivolate involontariamente nel “corporativismo di genere”. Capita a volte che le donne esagerino nella difesa dei loro sacrosanti diritti all’uguaglianza con gli uomini e sconfinino nell’affermazione di una loro presunta superiorità, come forse, stando a quanto scrivi, avrebbero fatto in quel libro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...